L’automobilista che, a causa del mancato rispetto del diritto di precedenza o di una guida non

prudente, non si accorge dell’attraversamento della strada da parte del pedone, investendolo, è

responsabile sia civilmente che penalmente.

I conducenti di veicoli sono infatti tenuti a guidare sempre con prudenza e, a maggior ragione in

prossimità degli attraversamenti pedonali, devono moderare la velocità, rallentare e, se necessario,

fermarsi, anche di fronte al comportamento poco corretto del pedone che attraversa la strada fuori

dalle strisce pedonali.

La Corte di Cassazione, sez. IV penale, con la recentissima sentenza n. 26111/2016 ha condannato

per omicidio colposo l’automobilista che aveva investito, provocandone la morte, un’anziana

signora che aveva attraversato la strada fuori dalle strisce pedonali.