Via Monte Conero, 61 | 63074 San Benedetto del Tronto AP

Responsabilità medica: non si può prescindere dal consenso informato

Il medico deve sempre acquisire il consenso informato del paziente e non può apprestare le cure necessarie in mancanza.

Il principio è stato recentemente ribadito dal Tribunale di Termini Imerese con sentenza n. 465/2018 in cui il giudice ha affermato che il consenso informato costituisce presupposto di liceità delle cure mediche: il paziente deve essere sempre informato adeguatamente e deve poter prestare il proprio consenso dopo essere stato debitamente e correttamente informato.

Alla base di tale ricordato principio c’è il concetto di “valore sociale” dell’individuo che deve essere rispettato e tutelato in quanto persona umana. Deve comunque trattarsi di individuo nel pieno delle proprie facoltà di intendere e di voleree non deve trattarsi di stato di necessità (cd. cure salva-vita).

 

IL CASO: una testimone di Geova “cosciente, lucida e nel pieno delle sue capacità“, aveva rifiutato espressamente di sottoporsi a trasfusione, ma la terapia trasfusionale era stata comunque eseguita su espressa indicazione di un medico.

LA DECISIONE: il medico imputato (responsabile del trattamento rifiutato) è stato condannato per violenza privata in quanto il giudice ha ritenuto che se il paziente non presta il consenso informato non vi è incapacità di manifestare la volontà né stato di necessità, il trattamento sanitario viola il diritto della persona di “prescegliere se, come, dove e da chi farsi curare“.

Il comportamento del sanitario, nel caso di specie, è risultato del tutto ingiustificato, portando alla sua condanna.

Post Correlati

Lascia un commento

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il tuo browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.