Via Monte Conero, 61 | 63074 San Benedetto del Tronto AP

Responsabilità medica: la transazione con la struttura può avere effetti sul medico

Malasanita-responsabilita-medica-morte-paziente-causa-infezione-post-operatoria

Il medico può approfittare della transazione tra paziente e struttura sanitaria ma deve dimostrare l’effettiva manifestazione di volontà: bisogna valutare tutte le risultanze processuali da cui sia desumibile inequivocabilmente la sua volontà in tal senso.

Lo ha affermato la Corte di Cassazione con sentenza n. 22800/2018 precisando gli effetti che ricadono sul medico: spetta al giudice del merito verificare quale sia l’effettiva portata contenutistica del contratto; e, ove uno dei debitori dichiari di volerne profittare, dovrà anche dar conto degli elementi da lui forniti al fine di dimostrare l’effettiva e concreta manifestazione di tale volontà“.

IL CASO:

i genitori di un bambino ridotto in stato vegetativo a causa di errore medico durante il parto agivano in giudizio per il risarcimento del danno nei confronti del medico e della struttura sanitaria.

In corso di causa veniva raggiunto accordo transattivo con la casa di cura e la compagnia assicurativa. Veniva però stato condannato il medico, anche se il medesimo non aveva dovuto risarcire alcunché poiché i giudici avevano ritenuto che l’atto di transazione sottoscritto dai genitori con la casa di cura riguardasse l’intera obbligazione risarcitoria e non solo il pregiudizio ascritto alla struttura sanitaria.

Post Correlati

Lascia un commento

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il tuo browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.