Via Monte Conero, 61 | 63074 San Benedetto del Tronto AP

Malasanità: perdita di chance della madre non avvisata delle malformazioni del nascituro

malasanita-perdita-chance-della-madre-non-avvisata-delle-malformazioni-del-nascituro

Il genitore che agisca per ottenere il risarcimento del danno in termini di perdita di chance da nascita indesiderata deve provare l’eventuale esercizio della facoltà di interrompere la gravidanza.

Va ricordato che dopo il 90° giorno è possibile interrompere la gravidanza soltanto in presenza di gravi anomalie e malformazioni del feto che rappresentino un “ grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna “ come stabilito dalla legge n. 194/1978.

La Cassazione ha riconosciuto sussistenti anomalie tali da giustificare l’aborto in caso di nascituro che presenti ad esempio la mancanza degli arti superiori ( sent. N. 25849/2017) ed il giudice deve valutare se l’operato dei sanitari abbia leso il diritto della donna di autodeterminarsi e poter scegliere se interrompere o meno la gravidanza.

La prova dell’eventuale esercizio dell’interruzione della gravidanza deve essere fornita dal genitore che agisce per il risarcimento e può utilmente essere assolto mediante “presumptio hominis” come ad esempio il consulto medico per conoscere la salute del nascituro oppure le precarie condizioni psico-fisiche della madre o ancora la sua propensione all’aborto.

Sul medico grava l’onere della prova contraria.

Post Correlati

Lascia un commento

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il tuo browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.