Se si provoca un incidente stradale la Compagnia assicurativa, dopo aver risarcito la controparte danneggiata, può rivalersi sul danneggiante, se quest’ultimo, oltre ad aver provocato il sinistro, abbia anche violato il contratto RCA.

L’automobilista potrebbe quindi trovarsi nella spiacevolissima condizione di vedersi richiedere dalla propria Compagnia di Assicurazioni l’indennizzo, anche se alla guida c’era qualcun altro.

Vale quindi la pena valutare di pagare qualcosa in più per la polizza assicurativa, ma assicurarsi che vi sia inclusa la clausola con cui l’Assicurazione RINUNCIA ALLA RIVALSA.

Può infatti capitare a chiunque di provocare un sinistro stradale gravissimo o addirittura mortale. In tal caso la vittima viene risarcita ma la Compagnia che risarcisce il danno, in mancanza di clausola anti rivalsa, può richiedere le somme pagate al responsabile del sinistro che le deve rimborsare di tasca propria. Ciò può comportare seri e gravi problemi economici, dovuti all’esborso di migliaia, in alcuni o addirittura milioni di euro.

Siccome molte Compagnie assicurative offrono la possibilità di sottoscrivere polizze con rinuncia da parte loro alla rivalsa, chiedendo il pagamento di un premio più elevato, occorre valutare bene se valga la pena affrontare il supplemento nella tariffa, anche assicurandosi in che modo viene formulata la clausola anti rivalsa: se garantisce una copertura totale e non solo parziale, o ancora se applicata solo ad alcune o a tutte infrazioni contrattuali.