Via Monte Conero, 61 | 63074 San Benedetto del Tronto AP

MALASANITÀ – ONERE PROBATORIO E FATTO IGNOTO

RESP-MED1

Nei giudizi aventi ad oggetto l’accertamento della responsabilità professionale sanitaria, l’onere della prova si atteggia in modo diverso andando a gravare sia sul medico che sul paziente.

Anche l’eventuale fatto ignoto, cioè quanto resti non provato in corso di causa, graverà in maniera differente sull’uno o sull’altro.

In merito a tale  eventualità si è recentemente pronunciata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 18102/2020

Gli Ermellini hanno infatti ribadito che, nei procedimenti per responsabilità medica l’onere probatorio è così ripartito:

  • PAZIENTE: deve dimostrare di aver subito un danno e che tale danno è causalmente connesso alla condotta del medico.
  • MEDICO: deve dimostrare di aver adempiuto correttamente la propria prestazione, ovvero che l’inadempimento è derivato da causa a lui non imputabile.

Hanno poi affermato che, qualora un fatto resti non provato (fatto ignoto), le conseguenze sfavorevoli andranno a gravare alternativamente sul paziente o sul medico ed in particolare:

  • FATTO IGNOTO SFAVOREVOLE AL PAZIENTE: quando questi non abbia fornito la prova della causa dell’evento danno.
  • FATTO IGNOTO SFAVOREVOLE AL MEDICO: quando il paziente abbia provato la causa del danno, ma il sanitario non abbia dimostrato che essa era imprevedibile e inevitabile.
Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il tuo browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.