Via Monte Conero, 61 | 63074 San Benedetto del Tronto AP

CADUTA SULLE SCALE DEL CONDOMINIO L’IMPORTANZA DELLA PROVA

t1242-caduta-scale-

Nelle cause di risarcimento danni da caduta sulle scale condominiali, i giudici devono valutare in maniera molti rigorosa le prove fornite dal danneggiato. Non è sempre scontato, quindi, che si venga risarciti.

È quanto recentemente affermato dal Tribunale di Torre Annunziata con sentenza n. 1549/2022 in merito al caso di una condomina che agiva in giudizio nei confronti del Condominio, affermando di essere caduta mentre scendeva le scale a causa di una sostanza liquida sui gradini, trasparente, non visibile, non prevedibile e non segnalata.

Assumeva inoltre l’attrice di aver riportato, a causa della caduta, ingenti danni alla persona.

Il Condominio convenuto si costituiva nel giudizio, chiamando in causa la propria compagnia di Assicurazioni ed affermando che, in casi del genere, il Condominio ha uno scarso potere probatorio, non potendo provare per testimoni i fatti denunciati dal danneggiato, potendo limitarsi ad evidenziare eventuali incongruenze/contraddizioni nelle affermazioni di parte attrice

La domanda veniva rigettata in quanto erano emerse incongruenze tra la ricostruzione dei fatti ad opera del danneggiato e le prove documentali, nonché delle dichiarazioni testimoniali. Infatti:

  • sul referto del Pronto Soccorso era riportato che la caduta era stata accidentale, senza colpa di terzo.
  • Inoltre i testimoni, parenti della danneggiata, avevano dichiarato di averla soccorsa in quanto presenti sul luogo del sinistro, mentre invece la danneggiata aveva precedentemente dichiarato, nella denuncia di sinistro inviata all’Amministratore del Condominio, di essere stata soccorsa da altri condomini, che però non erano stati chiamati a testimoniare.

Ebbene, fermo restando che il Condominio, avendo il compito di vigilare su tutti gli ambienti condominiali ed eliminare tempestivamente situazioni di pericolo, rispondendo quale custode ex art. 2051 c.c., nel caso di specie sono emerse eccessive contraddizioni nei fatti che il danneggiato poneva a fondamento della domanda risarcitoria, pertanto il giudice ha rigettato la domanda ricordando il dovere di rigorosa valutazione delle prove.

 

 

 

 

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il tuo browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.