Via Monte Conero, 61 | 63074 San Benedetto del Tronto AP

MALASANITA’ – DOPPIA PROVA A CARICO DELLA STRUTTURA SANITARIA

ctuprof sanitario

Va premesso che, pe principio ormai consolidato, relativamente ai casi di presunta responsabilità professionale sanitaria, il paziente che si assuma danneggiato, deve dimostrare:

  • l’aggravamento della patologia già in atto o l’insorgenza di una patologia che prima non aveva
  • la sussistenza del nesso causale tra l’aggravamento/patologia e l’operato dei sanitari

Ebbene, una volta che il paziente/danneggiato abbia fornito adeguatamente tale prova, in capo alla struttura sanitaria sorge un duplice onere probatorio, dovendo la stessa dimostrare:

  • che nel caso di specie sono stati usati perizia e mezzi tecnici adeguati allo STANDARD PROFESSIONALE
  • che il mancato conseguimento degli obiettivi terapeutici previsti o l’insorgere di complicanze o patologie, e quindi l’inesatto adempimento, è dovuto a una CAUSA NON IMPUTABILE AI MEDICI ma dovuto a “…fattore non prevedibile né prevenibile con la diligenza nel caso dovuto“.

Tale specificazione è stata recentemente effettuata dal Tribunale di Perugia, chiamato a pronunciarsi su un caso di responsabilità medica, nella sentenza n. 1350/2020

Nella stessa sentenza viene inoltre ricordato che il medico è tenuto a fornire precise e chiare spiegazioni al paziente su diagnosi, prognosi, prospettive, alternative diagnostiche e terapeutiche, conseguenze prevedibili della scelta che si effettua.

 

 

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il tuo browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.