Via Monte Conero, 61 | 63074 San Benedetto del Tronto AP

INCIDENTE STRADALE PROVOCATO DALLE BUCHE

altri-casi-di-responsabilita-civile

In caso di incidente stradale causato dalla presenza di buche sul manto stradale, in linea di principio, il soggetto obbligato a risarcire il danno è l’ente proprietario/gestore della strada, che può liberarsi dalla responsabilità dimostrando  di essersi attivato per effettuare la corretta manutenzione ed evitare la presenza di insidie pericolose per la circolazione. È quanto affermato dalla Suprema Corte con ordinanza n. 11096/2020

IL CASO:  un minore riportava gravi lesioni personali a causa di un incidente stradale in motorino, provocato da una voragine presente sul manto stradale. I genitori del danneggiato agivano in giudizio nei confronti della Provincia (ente gestore della strada) al fine di ottenere il ristoro di tutti i danni subiti. La domanda veniva rigettata nel merito e pertanto i genitori del minore ricorrevano per Cassazione.

LA DECISIONE: la Cassazione ha accolto il ricorso dei genitori del minore, richiamando precedenti pronunce della Corte stessa, con cui è stato affermato che: custodi sono tutti i soggetti -pubblici o privati- che hanno il possesso o la detenzione (legittima o anche abusiva, cfr. Cass. civ. 3 giugno 1976, n. 1992) della cosa (cfr. Cass. civ. 20 febbraio 2006, n. 3651Cass. civ. 20 ottobre 2005, n. 20317). Custodi sono certamente i proprietari, in quanto tali gravati da obblighi di manutenzione e controllo della cosa custodita.

Gli enti proprietari delle strade sono tenuti, ex art. 14 Codice della Strada, a provvedere:

a) alla manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e arredo, nonché delle attrezzature, impianti e servizi

b) al controllo tecnico dell’efficienza delle strade e relative pertinenze

c) all’apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta

A loro carico si configura la responsabilità per la cosa in custodia ex art. 2051 c.c., in ragione del particolare rapporto con la cosa che ai medesimi deriva dalla disponibilità e dai poteri di effettivo controllo sulla medesima (cfr. Cass. civ. 19 novembre 2009, n. 24419Cass. civ. 29 marzo 2007, n. 7763).

È ormai da ritenersi consolidato in giurisprudenza il principio in base la quale il proprietario o custode della strada in caso di sinistro causato dalla mancata o cattiva manutenzione della strada stessa, è tenuto al risarcimento dei danni, salvo che riesca a provare che l’evento si è verificato per caso fortuito.

Il danneggiato è tenuto a fornire la prova che i danni subiti derivano dalla cosa e deve pertanto dimostrare l’evento di danno e la sussistenza del nesso causale tra questo e la cosa in custodia, anche per presunzioni. Non deve invece dare la prova dell’insidia o del trabocchetto (sarà il custode, al contrario, a dover dare la prova liberatoria di aver fatto di tutto per eliminare l’insidia).

Il custode deve infatti dimostrare di aver svolto controllo, vigilanza e manutenzione (inversione dell’onere probatorio) e può liberarsi dalla responsabilità soltanto allorché dimostri il caso fortuito, cioè che l’evento dannoso si sia verificato prima che l’ente proprietario o gestore abbia potuto rimuovere, nonostante l’attività di controllo espletata con la dovuta diligenza al fine di tempestivamente ovviarvi, la straordinaria ed imprevedibile situazione di pericolo.

 

 

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il tuo browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.