Via Monte Conero, 61 | 63074 San Benedetto del Tronto AP

Decesso a seguito di intervento – percentuale di sopravvivenza

equipe

In caso di decesso del paziente a seguito di intervento chirurgico, per valutare la responsabilità medica, occorre considerare la PERCENTUALE DI SOPRAVVIVENZA.

È quanto affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 36431/2020, relativamente al  caso di un paziente che decedeva dopo essere stato sottoposto ad intervento “salvavita” di dissezione aortica “tipo A” di Standford.

Tale tipo di intervento, normalmente, ha un tasso di mortalità del 30% che nel caso specifico era superiore, aggirandosi intorno al 50/60% in quanto le condizioni del paziente erano  particolarmente gravi e dovendo i medici intervenire contemporaneamente sia sul torace che sull’aorta.

L’uomo non poteva essere operato nella struttura ospedaliera in cui era ricoverato e quindi veniva trasferito in altro ospedale, i cui sanitari erano preparati ad eseguire adeguatamente l’intervento.

Al momento del trasferimento, però, non vi era comunque la certezza che se il paziente fosse stato operato nell’altro ospedale avrebbe avuto possibilità di sopravvivenza del 70%

Il decesso era pertanto altamente probabile, proprio a causa della gravità della patologia.

 

 

 

 

 

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il tuo browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.