incidente-sul-lavoro

La necessità di rivolgersi alla Adriatica Infortuni dipende dal fatto che l'INAIL risarcisce solo una parte del danno biologico, rimanendone esclusi il danno morale e l'inabilità temporanea relativa, i cui importi potrebbero essere rilevanti in caso di danno grave.

La Società agisce quindi per il risarcimento del c.d. Danno differenziale. La prima valutazione che Adriatica Infortuni effettua ha ad oggetto la ricostruzione della dinamica dell'accaduto per verificare, anche con l'ausilio di tecnici ed ingegneri specializzati, se siano state violate le norme di legge vigenti in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Verificata la violazione, Adriatica Infortuni incaricherà un proprio Legale di seguire gli sviluppi del procedimento sia sotto il profilo civile che penale. Sono interamente a carico dell'Adriatica Infortuni le spese necessarie alla gestione della pratica per le visite mediche specialistiche, medico legali e legali, incluse quelle dell'eventuale giudizio.

Nel caso necessiti, la Società si cura anche di assistere il cliente per tutte le questioni collegate alla gestione dell'infortunio in ambito INAIL.

Il Cliente sarà tenuto al pagamento del lavoro svolto dalla Adriatica Infortuni solo a risarcimento ottenuto.

Approfondimenti

Gli infortuni sul lavoro sono in crescente aumento. Accade sempre più spesso di leggere sui giornali o apprendere in televisione di lavoratori morti per incidenti sul lavoro, nelle fabbriche o nei cantieri o che hanno riportato gravi lesioni. Pochi sono a conoscenza però che il risarcimento danni da infortunio sul lavoro non è riconosciuto solo dall’INAIL, ma esiste la possibilità di richiedere quello che viene definito DANNO DIFFERENZIALE. Innanzitutto va chiarito che l' infortunio sul lavoro è definito dalla legge come l’evento, che avviene per una causa violenta, in occasione di lavoro (quindi ricollegabile allo svolgimento dell’attività lavorativa) dal quale deriva una lesione o una malattia del corpo che rende necessaria l’astensione dal lavoro per più di tre giorni. Perché si possa parlare di infortunio sul lavoro sono quindi necessari i seguenti presupposti: un evento traumatico dal quale deriva una lesione alla salute del lavoratore o la sua morte; un collegamento tra questo evento e lo svolgimento dell’attività lavorativa; una durata dell’inabilità al lavoro per più di tre giorni; una causa violenta. La causa violenta differenzia l’infortunio sul lavoro dalla cosiddetta malattia professionale, che è invece derivante da una causa lenta, cioè dal fattore di rischio al quale il lavoratore è esposto per un lungo periodo di tempo, come per esempio nell’ipotesi in cui il lavoratore contragga forme tumorali per aver respirato per anni esalazioni senza adeguati sistemi di protezione. Dopo l’accadimento dell’infortunio interviene l’INAIL, che viene attivata a seguito della denuncia di infortunio presentata dal datore di lavoro. Il danno subito dal lavoratore viene quindi risarcito dall’INAIL, con il quale, ai sensi della legge vigente, il datore di lavoro ha stipulato un' assicurazione obbligatoria in favore dei suoi dipendenti.

Dopo l'entrata in vigore del D.L.vo 38/00, la liquidazione del danno da parte dell’INAIL ha subito profonde modifiche. Resta però ferma la circostanza che la liquidazione del danno prevista a carico dell'INAIL, quale indennizzo del danno biologico, non copre TUTTI I DANNI CHE l’infortunato può subire. Resta una responsabilità civile del datore di lavoro, nel caso in cui il fatto lesivo integri una fattispecie di reato a suo carico. Pertanto, qualora il datore di lavoro sia penalmente responsabile, il dipendente potrà richiedere il risarcimento della parte di danno non coperta dall'assicurazione, il cosiddetto DANNO DIFFEFENZIALE. Per danno differenziale si intende la differenza fra la somma corrisposta dall'INAIL a titolo di indennizzo e la somma che sarebbe spettata al lavoratore nel caso in cui fossero state applicate le normali tabelle di liquidazione del danno biologico. Si precisa ulteriormente che la liquidazione del danno differenziale viene effettuata tenendo conto dell’indennizzo già corrisposto dall’INAIL, detraendo il detto l’indennizzo INAIL dal danno complessivo quantificato. La Corte di Cassazione, con sentenza n. 18469 del 26 ottobre 2012, ha infatti precisato che la liquidazione dell’INAIL è limitata alla lesione dell’integrità psicofisica ma non comprende le altre voci di danno: esistenziale, alla vita di relazione e danno morale che potranno pertanto essere richieste in sede civile. Per ottenere il risarcimento del danno è necessario però che il lavoratore dimostri l’esistenza del rapporto di lavoro, nonché del nesso causale tra il danno ed il mancato rispetto degli obblighi di sicurezza. Non solo, il lavoratore dovrà anche dimostrare l’entità del danno subito e provvedere alla sua quantificazione. Da quanto sopra detto, è evidente che OTTENERE IL DANNO DIFFERENZIALE è molto complicato e costoso. Il lavoratore quindi dovrà affrontare e sostenere i costi di un procedimento penale e, in genere, poiché attraverso il procedimento penale non si giunge alla quantificazione del danno, affrontare e sostenere anche i costi del successivo procedimento civile. Molti si scoraggiano e si accontentano del risarcimento danni liquidato dall’INAIL. Adriatica Infortuni, grazie ad una equipe composta dai migliori medici legali, specialisti medici e Legali specializzati è in grado di aiutare il Cliente ad OTTENERE L’INTEGRALE RISARCIMENTO CHE GLI SPETTA e ad affrontare la situazione sia in sede penale che civile. La Società infatti, verificata la sussistenza della responsabilità del datore di lavoro con tecnici specializzati, provvede, a propria totale cura, anticipando tutte le spese necessarie a:

  • verificare, CON PROPRI TECNICI SPECIALIZZATI IN SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO, la sussistenza della responsabilità del datore di lavoro;
  • fornire un Legale specializzato per l’assistenza in sede penale, con costituzione di parte civile nel procedimento che si andrà ad instaurare;
  • determinare il danno subito con l’ausilio di medici legali e medici specialisti;
  • fornire il Legale anche per la collegata azione civile per l’ottenimento del danno.
ADRIATICA INFORTUNI assiste quindi il Cliente in tutte le fasi, sostenendolo e restandogli a fianco per qualsiasi chiarimento e problematica che dovesse insorgere nel corso del lungo procedimento per giungere al migliore esito possibile.